Spiritualità

Incontrare un missionario della chiesa mormone e tornare indietro di 2000 anni

chiesa mormone e sviluppo spirituale, crescita spirituale, crescita personale
Sfarzo di dubbio gusto... sarebbe il vero interesse divino?
Alexander
Scritto da Alexander

Qualche giorno fa ho avuto la fortuna di avere un incontro con un giovane “missionario” della chiesa mormone. Ero seduto in un parco in attesa dell’apertura di un ufficio e leggevo un libro sulla filosofia Zen. Ad un certo punto si avvicina questo giovane mingherlino ed intimorito, e timidamente, a gesti, poichè le parole sembravano strozzarglisi in gola per l’imbarazzo, mi chiede di parlargli.

Comportandomi in piena coerenza con la convinzione del grande valore che si ricava nell’interagire apertamente e calorosamente con gli estranei, ho accolto questo ragazzino con un sorriso, invitandolo a prendere posto di fianco a me sulla panchina. Gli ho detto che conoscevo poche nozioni della “chiesa dei mormoni”: sapevo che è stata fondata nello stato dello Utah, e che in giro per il mondo si vedono queste coppie di ragazzi con pantaloni lunghi, camicia bianca e cravatta.

Lui, arrancando e quasi balbettando ha cominciato ad “illuminarmi”. Per prima cosa precisando che la religione mormone fu fondata nello Stato di New York… o meglio, sarebbe successo in quest’ultimo stato che Gesù Cristo sia “disceso” sulla terra per apparire ad un tale Mormon, consegnandogli delle tavole d’oro sulle quali era inciso un nuovo vangelo, poi tradotto da un certo Joseph Smith…

Forse, per la sua seconda venuta sulla terra Gesù avrà preferito recarsi in un luogo più mondano; poi, gli emancipati newyorchesi avranno assegnato ai più provinciali abitanti dell’ovest il compito di diffondere questo verbo.

Comunque, secondo le parole del giovane missionario mio interlocutore, il Cristo avrebbe sentito la necessità di discendere nuovamente tra noi al fine di dettare dei Nuovi Vangeli; egli avrebbe giudicato che i Vangeli originali sono stati fortemente manipolati (cosa vera, a mio parere, e della quale dobbiamo solo rendere grazie alla chiesa) ed avrebbe – sempre il Cristo-  ritenuto necessario rinfrescare la memoria all’umanità, affidando proprio ai mormoni questo elevato e sacro compito.

A questo punto dell’esposizione è giunta anche la precisazione che la chiesa mormone “è meglio” della cattolica, perchè

crescita personale e chiesa mormone

Vittime in cerca di prede

questa non è detentrice del vero ed autentico Vangelo, mentre la chiesa mormone sì. Tanto è vero che i mormoni qualificano la loro chiesa come la (vera) chiesa di Gesù Cristo.

Poi mi è stato chiarito che i missionari sono sempre in due perchè così fu disposto nella seconda venuta del Cristo. Bah, lo spirito pragmatico anglosassone avrà stabilito che sguinzagliare coppie di adepti sarebbe stato molto più efficiente di muovere 12 neoapostoli alla volta.

La conservazione è proseguita con le rassicurazioni del missionario circa il fatto che “parlare con Dio” sia una cosa liberatoria e che dà agli uomini la felicità. Ovviamente, è possibile parlare con Dio solo dopo avere letto il Vangelo mormone, avere memorizzato le regole dei mormoni ed avere compilato un modulo con le proprie informazioni personali che la chiesa mormone poi utilizza per inviare ulteriore materiale informativo, richiedere donazioni e chissà cosa altro. A tali passaggi ho inorridito, poichè una della convinzioni fondamentali che ho, e che cerco di trasmettere spesso attraverso queste pagine, è che non c’è bisogno di intermediario alcuno, sia esso assiso a San Pietro, nello Utah oppure sull Himalaya, per sondare la divinità di tutto il creato ed il miracole delle nostre ed altrui esistenze; nonchè per capire quanto sarebbe importante diffondere con ogni gesto amore e fratellanza.

Mormoni e simili, nel proclamarsi investiti da Dio per le comunicazioni terra-Dio-terra, non solo si arraffano un compito che non è il loro, meglio: un compito che non dovrebbe proprio esistere.  Ma anche, è la cosa più grave, occludono la capacità, connaturata ad ognuno, di scoprire, comprendere ed aprire la comunicazione con il divino e l’ineffabile.

chiesa mormone e sviluppo spirituale, crescita spirituale, crescita personale

Sfarzo di dubbio gusto… sarebbe il vero interesse divino?

Questa nuova chiesa, insomma, è un’altro simbolo della folle corsa degli uomini verso il potere: il perverso volere inculcare agli altri quello che devono pensare (nemmeno per il loro bene, poi), il vano potere di avere orde di seguaci lobotomizzati che acriticamente seguono le proprie velleità.

La tragicomica ripetizione dell’errore alla base della chiesa cattolica. Chiarisco: Cristo proclamava, vivete come l’eterno amore (creazione) che siete, e diffondete questa novella (senza fondare chiese o gerarchie). Ed ecco che, senza avere nulla imparato in duemila anni, arriva un gruppo di arrembanti americani (popolo dall’indubbio spirito di iniziativa ed altre doti) che afferma:  NOI ripetiamo l’errore, anzi, lo facciamo in modo ancora più colossale, visto che siamo la nazione più ricca e potente.

Infine, ho chiesto al ragazzo come e quando fosse entrato nella chiesa (coartato e stritolato sarebbero state parole più veritiere). Egli mi ha raccontato che un paio di anni prima stava per smarrire la retta via perchè faceva con le ragazze “cose che non si fanno”, quando poi, miracolosamente, i genitori lo hanno fatto avvicinare alla chiesa mormone. Uno scenario alla famiglia Flanders de “I Simpson”, insomma.

Non è nemmeno il caso di riferire che la Divinità, in qualunque modo la si voglia intendere, ha sicuramente di meglio da fare che osservare e giudicare un ragazzino alle prese con i suoi primi bollori sessuali. Insomma, Dio dovrebbe tenere in equilibrio uno o più Universi, come potrebbe mai invischiarsi in simili inezie, anzi, in cose belle e naturali.

Fortunatamente ero molto sereno e disposto ad imparare, perchè altrimenti avrei dovuto indignarmi alla risposta alla mia domanda: “Ma fai il missionario come volontario o vieni pagato?”

Ebbene sì, perchè la risposta è stata: “I miei genitori ogni mese versano qualcosa alla chiesa per contribuire ai costi per mantenermi qui”. Cioè, questi ragazzi lavorano, e devono anche pagare… questo perchè, nella prospettiva distorta dei fatti, loro sono missionari per salvare la loro anima o cose simili.

Una domanda che purtroppo non ho fatto, ma che ora mi sovviene, è “come mai non esistono missionarie?”. Ma non dubito che avrei sentito cose troppo oltraggiose persino per la mia tendenziale apertura e tolleranza.

 Foto fujikanakama0

 

Inserisci i dati e ricevi l'ebook GRATUITO ed i contenuti esclusivi!
Unisciti agli oltre 2000 lettori abituali ed affezionati del sito
Ti assicuro che la tua email sarà custodita correttamente. Non sarà ceduta a nessuno e nessun abuso sarà perpetrato. Potrai disiscriverti sempre.
Vai alla barra degli strumenti